Gli ultimi aggiornamenti dal Blog

LA RIVOLUZIONE FISCALE IN ATTO: FATTURA ELETTRONICA, CONTO FISCALE ONLINE, . . .

admin Nessun commento
20
ago

L’Ocse nel suo report Tax administration 2015, che fotografa la situazione delle amministrazioni tributarie di 56 Paesi, evidenzia le priorità che queste hanno posto in essere: ridurre i costi, incentivare i servizi fiscali online e migliorare la tax compliance.
Molte delle amministrazioni considerate hanno optato per la strategia della digitalizzazione per incentivare i contribuenti all’utilizzo dei servizi online rispetto ai meno efficienti e più costosi canali tradizionali.

L’Agenzia delle Entrate britannica insieme a quella portoghese sono tra le istituzioni che a livello europeo stanno rivoluzionando il rapporto tra il Fisco e il contribuente. Secondo il piano annunciato dalle Entrate britanniche, sarà presto predisposto un “conto fiscale online”, dove i contribuenti, persone fisiche o imprese, potranno liberamente e comodamente accedere alle informazioni circa la loro posizione con il fisco, apportare eventuali modifiche, per verificare che i dati immessi siano corrispondenti al dato reale. In Portogallo, come avevamo a tempo riportato nel nostro blog, il Governo portoghese nel 2012 ha introdotto un sistema di trasmissione telematica obbligatoria dei dati di tutte le operazioni rilevanti ai fini Iva realizzate da imprese e lavoratori autonomi residenti. L’operazione, che a tutti gli effetti introduce il sistema della fatturazione elettronica, ha avuto delle ricadute positive sul gettito IVA del Paese (+7,9% alla fine del 2015 per il ventesimo mese consecutivo).

Nel Bel Paese, il Ministero dell’Economia ha già inserito la digitalizzazione del sistema fiscale italiano fra gli obiettivi di politica fiscale per il prossimo biennio2016-18. Un maggiore incrocio delle banche dati e potenziamento dei servizi telematici per favorire la compliance e facilitare il rapporto con i contribuenti. Al di là delle iniziative che hanno interessato il nostro Paese e che sono state ampliamente riportate nelle notizie degli scorsi mesi, come la dichiarazione dei redditi precompilata, occorre annoverare altre come il PIN unico per l’accesso ai servizi delle PA, il catasto digitale, il processo tributario telematico, la notifica delle cartelle esattoriali mediante l’invio di posta elettronica certificate, ecc.

Sempre nell’ambito del percorso di digitalizzazione del sistema fiscale, il Governo italiano ha già da tempo introdotto l’obbligo di fatturazione in forma elettronica nei confronti delle Amministrazioni dello Stato.

Nella seconda metà del 2015, con il decreto legislativo recante misure per la fatturazione elettronica tra privati, sono state inoltre introdotte una serie di incentivi rivolti ai soggetti che opteranno per la trasmissione delle fatture in formato elettronico.

Dopo la fase sperimentale di quest’anno, a partire dal 1° gennaio 2017 sarà quindi possibile optare per la trasmissione telematica all’Agenzia delle Entrate di tutte le fatture emesse e ricevute e delle relative variazioni, in cambio di una riduzione degli adempimenti amministrativi e contabili a carico dei contribuenti, quindi incentivi fiscali e procedure più semplici per tutti i soggetti che decidono di avvalersi della trasmissione telematica delle fatture o dei relativi dati e dei corrispettivi.

Se stai cercando un buon software per la fatturazione elettronica, oltre che per l’achiviazione e gestione documentale, ti proponiamo il nostro servizio in cloud: clicca qui.

Condividi questo articolo: