Gli ultimi aggiornamenti dal Blog

LA PRESENTAZIONE DEL MODELLO 730 PRECOMPILATO, QUALI CONTROLLI DAL FISCO?

admin Nessun commento
12
Dic

blog-image-02La Legge di Stabilità 2016 ridefinisce i poteri di controllo in capo all’Agenzia delle Entrate nei confronti del contribuente che presenta il modello 730 precompilato a partire dal 1° gennaio 2016.

In sostanza suddetta Legge di Stabilità crea una differenziazione tra contribuenti che presentano, in via diretta o tramite sostituto d’imposta, il modello 730 precompilato senza modificarlo oppure che vi apportano modifiche.

In particolare:

  • nel caso si presenti il modello 730 precompilato senza modificarlo, l’Agenzia delle Entrate non potrà effettuare controlli documentali ai sensi dell’art. 36-ter, D.P.R. n. 600/1973 né controlli preventivi (resterà però fermo il diritto dell’Ufficio di effettuare controlli formali su dati da CU e quelli inerenti la sussistenza di condizioni soggettive);
  • nel caso invece si presenti il modello 730 precompilato con modifiche, l’Agenzia può effettuare controlli documentali ai sensi dell’art. 36-ter del decreto succitato e anche quelli di tipo preventivo. Questi ultimi riguardano le verifiche che l’Agenzia delle Entrate effettua in via preventiva in caso di rimborsi esposti in dichiarazione superiori ad € 4.000,00 ovvero, a prescindere dall’importo che deve essere rimborsato, quando sussistono elementi di incongruenza rispetto ai criteri definiti dall’Agenzia.

Va da sé che la disposizione è atta a incentivare l’invio dei modelli senza che essi siano modificati dal contribuente. In questo caso, in teoria, il controllo non dovrebbe esistere per definizione, in quanto è lo Stato a compilare il modello e pertanto non dovrebbe sussistere la necessità di “auto-controllarsi”. Ad ogni modo, nel caso vengano apposte modifiche – e saranno ancora molti i casi in cui ciò sarà necessario – non si ravvisano vantaggi nella precompilazione del modello, soprattutto in termini di controlli preventivi che ritardano la liquidazione dei rimborsi spettanti al contribuente.

Condividi questo articolo: